Il futuristico riconoscimento facciale di Xiaomi

Sul mio Xiaomi Mi 5X, dopo avere installato uno degli aggiornamenti settimanali del circuito BETA, è apparsa una nuova funzione: lo sblocco del telefono con il riconoscimento facciale, stile iPhone X.

Incuriosito l’ho subito attivato, con aspettative molto basse: mentre su iPhone X è presente uno scanner 3D in grado di riconoscere un viso “vivo” da una foto, su altri telefoni invece è molto più “grezzo”, visto che viene usata la fotocamera frontale.

Comunque, non ho nulla di importante sul telefono, quindi la possibilità che qualcun altro riesca a sbloccarmi il telefono facendo vedere una mia foto non è un grosso problema.

Ho subito visto quanto era comodo: alzo il telefono, si accende lo schermo, lo guardo, si sblocca. Fantastico. Anzi, meglio di iPhone X, perché non c’è bisogno di strisciare il dito per conferma, e comunque, ho sempre lo sblocco tramite impronta sul sensore posteriore! Il meglio dei due mondi!

Poi una sera sono uscito e il telefono si è sbloccato anche in una stanza quasi completamente buia. Wow, in questa stanza non riesco a riconoscere le persone io stesso, figurati il telefono. Poi ho pensato…. un iPhone X usa una specie di Kinect (Apple ha acquisito la ditta che ha inventato il sensore del Kinect qualche anno fa) e riesce a vedere in 3D nel buio assoluto, mentre il mio telefono usa un sensore fotografico comune, non capace di vedere nel buio.

Cosa vede un Kinect al buio

Ho provato il riconoscimento su una faccia asiatica e si è sbloccato comunque! Avevo basse aspettative sulla sicurezza, ma non immaginavo che fosse totalmente incapace di distinguere una faccia asiatica da una faccia europea!

Sono subito tornato allo sblocco con impronta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.